logo terenzano
  • IMG_7320a.jpg
  • IMG_7366a.jpg
  • IMG_7290a.jpg
  • IMG_4712a.jpg
  • IMG_7301a.jpg
  • IMG_7312a.jpg
  • IMG_7303a.jpg

TERENZANO CLUB


Dalla tenacia di un uomo Fernando De Lorenzis  rinasce dopo anni di abbandono l’ insediamento "Terenzano".
Acquistato negli anni 80 per farne una residenza estiva di campagna, dopo qualche anno si trasforma in “Terenzano Club” un esclusivo ristorante, piano bar ed una mega discoteca che ha ospitato dj di fama internazionale e concerti dei più importanti cantautori italiani (De Gregori, Antonacci, Carboni, Sergio Caputo, Peppino di Capri, Califano e tanti atri). Punto di riferimento estivo per passare splendide serate.

Negli anni sono state messe a dimora centinaia  di piante mediterranee e sono stati salvaguardati il frantoio ipogeo, le antiche tombe  ed un monumento di ignota provenienza, ripuliti, illuminati, per renderli fruibili a tutti. I lavori di ristrutturazione hanno trasformato ed inglobato le parti superstiti della vecchia masseria.

Nell' ultimo decennio è iniziata la  conversione  in struttura ricettiva, i primi bungalows sorgono sulle macerie del vecchio insediamento sempre stando attenti a salvaguardare l’ esistente e così nasce Terenzano Club Vacanze.

Terenzano Club, oggi,  è composto da 28 monolocali, bar, ristorante, piscine, area camper e l’esclusiva Masseria Terenzano - 7 camere ben curate e dotate di tutti i confort.
Per gli appassionati delle attività all’ aria  aperta, intorno alla tenuta tra il verde degli olivi e i profumi della campagna  si sviluppa un percorso vita composto da 10 tappe per circa 2 km. di lunghezza.

Terenzano Club si trova a mt.34 s.l.m. ed a km. 5 dall'abitato di Ugento sulla provinciale Alliste-Torre S.Giovanni.

Qui suggestive tracce del passato svegliano curiosità ed attenzione. Un insediamento d'epoca romana, tombe che non hanno liberato del tutto i loro segreti, un frantoio in uso già dal XVIII secolo. Una traccia, quest'ultimo, della fervida attività olearia di una regione ricca di risorse naturali. E ancora: uno strano monumento di pietra, collocato in un singolare scavo di roccia tufacea simmetrico per profondità e diametro.